La risposta è semplice: noi consigliamo di cambiare spesso scarpe perché quelle troppo usate tendono a deformarsi e diventano dannose.

Il nostro piede è delicato perché ha una limitazione naturale. È uguale a quello del nostro progenitore di tre milioni e mezzo di anni fa.

OGNI SCARPA È DIVERSA

Ogni scarpa, che possiedi per quanto comoda possa essere, tende a creare fastidi o addirittura dolori se portata troppo spesso e per tutto il giorno.

Avrai notato che le scarpe da ginnastica troppo piatte provocano dolore all’arco mediale del piede, se poi sono troppo basse il dolore si estende ai polpacci o addirittura alla schiena.

Gli scarponcini e gli anfibi dopo qualche giorno tendono a dare fastidio alle dita del piede; gli stivali a tacco basso indolenziscono il tallone;

Se il fondo è troppo rigido il fastidio si avverte sotto il tallone e così via. Tutto questo si può facilmente evitare alternando l’utilizzo delle calzature di giorno in giorno.

ALTERNARE LE CALZATURE PER ALLUNGARNE LA VITA

Usando sempre le stesse scarpe, si consumano più velocemente ed inevitabilmente invecchiano prima o si danneggiano.

Esternamente si possono riparare, ma quando il danno è interno si rischia che non si possa rimediare o che la riparazione non sia conveniente. Quindi, se abbiamo un paio di calzature che vorremmo portare tutti i giorni per la loro comodità, è sempre meglio indossarle a rotazione con altre proprio perché non perdano il loro comfort, ma facendo attenzione a non farle invecchiare stando ferme nell’armadio: le scarpe hanno bisogno di camminare!

L’IMPORTANZA DI FARLE TRASPIRARE

Se continuerai ad indossare ogni giorno le stesse scarpe, per molte ore al giorno non permetterai loro di asciugarsi dalla condensa o dalla sudorazione ed inevitabilmente si formeranno cattivi odori ed aumenterà la flora batterica.

Noi ti consigliamo

Puoi richiedere i nostri consigli su quale prodotto usare, passando direttamente in negozio o tramite mail o se preferisci contattandoci sulla nostra pagina Facebook.

  • 28
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •